IL MONDO DEI GIOVANI
La scuola
I diritti dei minori
La crescita

IL MONDO CONTEMPORANEO
Interculturalitą
Verde#
Diritti umani
Lavoro
Global e glocal
Un amore di cittą
Volontariati


Home /Didattica /Cinema testimone del tempo /Il mondo contemporaneo /

Lavoro

Il lavoro è il tema più importante del nostro tempo, ne attraversa e riassume molti altri: primi tra tutti, il rapporto tra generazioni, quello tra le diverse aree del mondo, le caratteristiche e la qualità del nostro stile di vita. Da esso dipende la dignità e la qualità della vita del singolo ed è cartina di tornasole dell’idea di Uomo che le culture producono.
È un tema politico, sociale, culturale, esistenziale, mette in gioco speranze, paure, aspirazioni, è un terreno talmente pregno di implicazioni che finisce per essere fulcro di ogni cosa. 
Le domande che intorno ad esso si agitano  – cosa è, cosa diventerà, come cambierà le nostre vite o come le nostre vite lo cambieranno, cosa fare per crearlo, tutelarlo, adattarlo ai grandi cambiamenti della contemporaneità – possono trovare una risposta anche rivivendo le grandi trasformazioni del lavoro nella nostra storia recente e non possono non interrogare anche la scuola con diversi obiettivi, da quelli curriculari (approfondimenti storici, filosofici, sociologici) a quelli più generalmente formativi della cittadinanza attiva e dell’orientamento post-scuola.

Nessuna arte più del cinema ha avuto con il lavoro una sorta di affinità elettiva, a partire da La sortie des usines dei fratelli Lumière (1895) e nessuna forma di espressione artistica ha maggiormente raccontato i suoi mutamenti. E certo il cinema è esso stesso un lavoro, affascinante e difficile, e la settima arte ha sempre amato raccontare il proprio farsi, nelle difficoltà del percorso creativo o nelle dinamiche interpersonali, con passione e con cinismo, con affetto o rancore, nelle forme della commedia o del dramma.

Attingendo ad una ricchissima filmografia, con gli occhi rivolti tanto alla storia quanto alla contemporaneità,  indichiamo pertanto, in maniera sintetica, alcuni percorsi che possono portare i ragazzi a confrontarsi con le molte declinazioni possibili della parola lavoro.

Il lavoro come identità: Billy Elliot, Non uno di meno, Rosetta, Mobbing.Mi piace lavorare, Una poltrona per due, Risorse umane, Tutto o niente, Up in the air, Baci e abbracci, Americani.

Il non lavoro: Ladri di biciclette, La bella vita, Santa Maradona, Cresceranno i carciofi a Mimongo, Giorni e nuvole, I lunedì al sole.


Lotte sindacali e diritti dei lavoratori: Placido Rizzotto, Metello, La classe operaia va in paradiso, Mimì Metallurgico ferito nell’onore, Paul Mick e gli altri, Sciopero, Riso amaro, I compagni, Riff Raff, North Country, La signorina Effe

Il lavoro minorile: Salaam Bombay, La promesse, Iqbal, Rosso Malpelo

Il lavoro e l’emigrazione: Pummarò, Pane e cioccolata, Lamerica, Vesna va veloce, Rocco e i suoi fratelli, Goodbye Aman, Un mondo migliore

La fabbrica, elemento centrale della cultura locale: Metropolis, Tempi moderni, Acciaio, Omicron, La fabbrica dei tedeschi

Il lavoro precario: Tutta la vita davanti, Generazione 1000 euro, Fuga dal call center, Un giorno speciale

La grande crisi del XXI secolo: The company men, Margin Call, Inside Job

Il lavoro del cinema: Effetto notte, Fedora, Hollywood Vermont, La vita che vorrei, Boris.Il film, Viale del tramonto, Intervista, Gli ultimi fuochi




© 2012 Cinema e Scuola Privacy |Mappa |Link |Credits